Organizational culture and readiness assessment

L’introduzione di metodi e tecnologie collaborative ed esponenziali suggerisce un cambiamento di approccio e cultura, che rappresenta la vera sfida di un processo trasformativo.

L’analisi della cultura e della readiness aziendale è quindi importante per avviare il processo di cambiamento, identificando le aree dell’organizzazione che sono più pronte. L’obiettivo? La trasformazione in devops organizations: realtà che generano valore introducendo all’interno i principi devops (developmente and operations) culture – aperta al cambiamento e all’ecosistema, self-steering e orientata ai feedback.

Vengono valutati diversi aspetti tra cui natura e caratteristiche dei processi di business; variabilità dei processi, team coinvolti, natura degli scambi (transazionali, cooperativi, co-creativi); maturità nell’adozione di tecnologie emergenti; consapevolezza e coinvolgimento del management.

Le dimensioni da esaminare riguardano caratteristiche dominanti (procedure/regole vs. iniziativa/proattività); leadership (supporto/coltivazione vs. coordinamento/efficienza); collante organizzativo (fiducia vs. regole); focus strategico (sviluppo delle persone vs. efficienza/controllo); modelli gestionali (partecipazione/lavoro di squadra vs. accordo/stabilità); meritocrazia (coinvolgimento vs. efficienza).

La prospettiva dell’individuo non è meno importante, e include abilità e competenze; familiarità nell’utilizzo delle tecnologie digitali; propensione al lavoro di team e allo smart working. Un focus particolare meritano i processi di gestione ed empowerment dei nativi digitali, caratterizzati da un set di competenze uniche che devono essere mappate, misurate e tarate al meglio sulle specificità aziendali per generare un reale vantaggio.